Grande dizionario della lingua italiana

Prototipo edizione digitale

Risultati per: s Nuova ricerca

Numero di risultati: 60797

vol. I Pag.1 - Da A a A (5 risultati)

si rivolve e torna ne l'o; che veramente imagina questa figura: a

racconterò dall'a al fio, / come so ordire il male e tessere.

, a cui ella sta dinanzi: come è lui, che allui si dice

ad ogni matto li savi paiono matti, come a'savi i matti paiono veramente

'l tempo e l'ora / che alto miraron gli occhi miei, / e

vol. I Pag.2 - Da A a A (8 risultati)

. dante, inf., 5-79: tosto come il vento a noi li

noi, e senza salire ad alto, come è sua natura, sì forte

, sì come è sua natura, forte quivi dintorno ad essi si fermò.

riva tonde. ariosto, 2-49: ad alto il negromante batte tale, /

/ i capei d'oro ond'io subito arsi. boccaccio, dee.,

volta a parigi in povero stato, come egli il più del tempo dimorava.

. dante, inf., 9-113: come ad arli, ove rodano stagna

arli, ove rodano stagna, / com'a pola presso del carnaro /

vol. I Pag.3 - Da A a A (4 risultati)

: io chiesi loro che elle facesser che ogn'anno da oggi a domani

: battiensi a palme, e gridavan alto, / ch'i'mi strinsi

a due mani la spada, e menò grande il colpo che arebbe partita una

non te ne avvedessi ad altro, te ne dei tu avvedere a questo,

vol. I Pag.4 - Da A a A (2 risultati)

. dante, inf., 1-42: ch'a bene sperar m'era cagione

43-132: quello [palagio] che iersera ti parve bello / del mio signor

vol. I Pag.5 - Da A a A (1 risultato)

ma per la sua follia le fu presso, / che molto poco tempo a

vol. I Pag.6 - Da A a ABATE (3 risultati)

ab antico, dov'oggi è fiorenza, avea due ville. dante, inf

, iii-6-57: [ameto] fu, come si convenne, / ben ricevuto

, 26-14: in poca d'or 'l fatto mi bistoma / che d'abate

vol. I Pag.7 - Da ABATINO a ABBACINARE (4 risultati)

ministri grandi, fu da essi perseguitato , che fu mandato in galera. tommaseo

per risparmio di cure e di tempo; che il danno dell'abbacchiatura si stende

]: il qual numero è tanto e grande, che per nullo abbachiere

nuvola, che gli toglieva la vista, avea preso questo nome d'abbacinare.

vol. I Pag.8 - Da ABBACINATO a ABBAGLIAMENTO (3 risultati)

dosso fra le late spalle / gli dechinò forte una percossa, / che abbacinossi

iacopone, 75-29: e me la luce m'ha accecato: / tanto lustrare

andar girone. idem, 1-700: amar ci conviene, / e a ciò

vol. I Pag.9 - Da ABBAGLIANTE a ABBAGLIARE (8 risultati)

23-64: di fuor dorate son, ch'egli abbaglia. idem, purg.

, 23-64]: sono le cappe bene dorate di fuori che con lo splendore

prima materia. petrarca, 141-12: ma m'abbaglia amor soavemente, / ch'

quel si scaglia. boiardo, 142: me abagliava quella incesa voglia. lorenzo

. lorenzo de'medici, ii-285: eri bella che tu m'abbagliasti. ariosto

tu m'abbagliasti. ariosto, 36-48: l'odio e l'ira le guerriere

dipinga il sol e no 'l contempre / ch'ei n'abbagli e stempre.

la vista numerarli, però che tra piccoli spazii si abbaglia l'occhio.

vol. I Pag.10 - Da ABBAGLIATAMENTE a ABBAIARE (3 risultati)

loro bellezza e della loro spiacevolezza: che poco potrai errare in ciò; solo

detto: e'm'è stato fatto e sì. savonarola, 7-i-88: hanno

: e'm'è stato fatto sì e . savonarola, 7-i-88: hanno la

vol. I Pag.11 - Da ABBAIARE a ABBANCARE (1 risultato)

farsi sopra il tetto una finestra quadrilunga in pianta come in fronte co'lati

vol. I Pag.12 - Da ABBANCATO a ABBANDONARE (10 risultati)

iacopone, 43-15: onne vertute l'abandónao, / al dèmone fo

: amor m'assale subitanamente, / che la vita quasi m'abbandona:

.. / mi prese del costui piacer forte, / che, come vedi

abbandonarla incatenato... è cosa straziante! carducci, i-957: si vuol

, ii-455: la morte / mi stringe che vita m'abbandona. boccaccio,

bosco gl'intruona l'orecchia, / che mal grado l'impresa abbandona. guicciardini

in forse, / che no e nel capo mi tenciona. idem, purg

: la quale cosa ebbe dio onnipotente per male, che tutta quella gente abbandonoe

del vegetare. monti, 2-12: che scostarsi fu mestier dall'uno / cadavere

di vivanda amendue i lati della bocca che le guancie ne gonfino. caro,

vol. I Pag.13 - Da ABBANDONATAMENTE a ABBANDONATO (3 risultati)

, e ciò che fortuna mi donerà, n'abbia. dante, inf.

17-108: ben veggio... come sprona / lo tempo verso me,

, povera anima... -sì, -ella ripeteva ad ogni tratto, abbandonatamente

vol. I Pag.14 - Da ABBANDONATORE a ABBARBAGLIARE (6 risultati)

non curantisi di perdere la fede di vile uomo, con abbandonate redini riserbando le

non più viver dovesse) aveva, come sé, le sue cose messe in

592: il più della gente invaghisce di sé stessa, che ella mette

mena. / all'uno e all'altro gli occhi abbarbaglia, / che non

4-224: né ben scorge il camin, spesso e tanto / le piove a

abbarbagliarlo. chiabrera, 465: ei diceva, e lo dicea per modo

vol. I Pag.15 - Da ABBARBAGLIATAMENTE a ABBARRATO (3 risultati)

a colui che per così vedere abbarbaglia; che io non vedea. machiavelli,

abbarbicano, in capo a qualche anno diventano folte esse radici e così insieme ammassate

abbarbicata mai non fue / ad alber , come l'orribil fiera / per l'

vol. I Pag.16 - Da ABBARUFF AMENTO a ABBASSARE (4 risultati)

tuoi detti mischia un poco di giuoco temperatamente, ch'elli non abbia abbassamento

abbasserò, che ora stanno levate come tu vedi, ti nasconderò. pulci

, ii-416: passa per via adorna e gentile, / ch'abbassa orgoglio a

, 65-100: amor esmesurato, grande hai forteza, / che la divina

vol. I Pag.17 - Da ABBASSATO a ABBASSO (3 risultati)

maggiori. caro, 15-i-226: certo , che la grandezza vostra si disagia ad

, tanto abbassato per isposa discesa di vile nazione, come stimiamo che costei sia

cavi gli occhi. ojetti, 18: , abbasso i vecchi; ma si

vol. I Pag.18 - Da ABBASTANZA a ABBATTERE (3 risultati)

, ora si volgea e menava con grande romore, che abbattea e uccidea.

i-155: giungendo sopra il siniscalco, forte con la sua lancia il ferì nella

fortuna ci pur volesse abbattere, facciamo ch'a'nostri nimici rimanga dolorosa vittoria.

vol. I Pag.19 - Da ABBATTIFIENO a ABBATTUTA (5 risultati)

il tuo avere e ripollo con studio, che levi via la cagione che tu

quel songa, che un tempo trattai dolcemente e che da più anni non si

. idem, 119: non è uomo savio che non pigli qualche volta degli

abbattutisi i lor componenti a porsi in fatte disposizioni in coteste ampie moli,

l'abbattuta fu in poco d'istante grande, che i superstiti spaventati.

vol. I Pag.20 - Da ABBATTUTO a ABBELLIRE (9 risultati)

. giordani, ii-179: questa notizia inaspettata, sì dolorosa mi ha trovato

, ii-179: questa notizia sì inaspettata, dolorosa mi ha trovato tutto abbattuto e

né 'l cor po'stare in loco, li abella! boiardo, 63: ecco

dia, / e non m'abella, com far solìa / in sua sembianza.

che l'adora / e falle reverenza, li abella! varchi, 7-331:

dati, 2-17: nelle navi minori, come simili in apparenza, così realmente

donna, abellire / non vi de' la passione mia, / che star vèr

tutti gli ornamenti e vaghezze particolari che mirabilmente abbelliscono la terra, resteriano di

per amore, / come po'tu 'l tuo danno abellire? machiavelli, 768

vol. I Pag.21 - Da ABBELLITO a ABBEVERATOIO (3 risultati)

prosa. arila, 4: abbenché: , signori, ha esempii anche di

inebriarsi. redi, 16-i-2: in dolce e nobile lavacro, / mentre il

insieme per riempirle [le gore], come quelle dei truogoli o abbeveratoi.

vol. I Pag.23 - Da ABBIGLIATO a ABBISOGNARE (1 risultato)

(93): questo sonetto è piano ad intendere... che non

vol. I Pag.24 - Da ABBISOGNEVOLE a ABBOCCATO (1 risultato)

. angiolieri, 87-6: e son fatto che non mi vien puzzo,

vol. I Pag.25 - Da ABBOCCATOIO a ABBONDANTE (1 risultato)

. [crusca]: correva l'acqua abbonaccia- tamente, ch'elli sembiava

vol. I Pag.26 - Da ABBONDANTEMENTE a ABBONDARE (4 risultati)

.. sempre a lo indietro, abbondantemente e con tanta furia, che e

abundanza non se pò occultare: / loco se forma el iubilare, / prorompe

. iacopone, 12-42: lo peccato fa a l'alma la terribil sua

895: 'n te l'amore abonda / che forse in poch'altri ei fu

vol. I Pag.27 - Da ABBONDATO a ABBORDAGGIO (9 risultati)

vivace il suo vigor trasfonde / al corpo che par ch'esso n'abbonde.

spirito da lei. pulci, 3-22: fatta tenerezza gli abbondava, / che

e ciascuno de'figliuoli abbondante, come egli medesimo abbondava, contento l'

vogliono fare abbondevoli e fruttuose viti, le letaminano de'pam- pani e della

grano secondo il bisogno di catuno, saviamente come maravigliosamente, e non tanto

, i-89: le smarrite sentinelle / le trastulla, e sì le balocca,

sentinelle / sì le trastulla, e le balocca, / e sì l'ab-

, e sì le balocca, / e l'ab- buonisce, / e sì

sì l'ab- buonisce, / e l'appiacevolisce, / che senza passaporto,

vol. I Pag.28 - Da ABBORDARE a ABBOTTONARE (1 risultato)

svegliato ciò che vede abborre, / nescia è la subita vigilia / fin

vol. I Pag.91 - Da ACCOLLATA a ACCOMANDANTE (2 risultati)

, perché nella morte del padre apprestò in pochi giorni il combattimento degli accoltellatori,

la quale da una finestra mi riguardava pietosamente, quanto a la vista, che

vol. I Pag.92 - Da ACCOMANDARE a ACCOMIATARE (1 risultato)

navigante, non a titolo di prestito ma d'accomenda, perch'ei la facesse

vol. I Pag.93 - Da ACCOMIATATO a ACCOMODARE (2 risultati)

udendo che per quella [ira] aspramente il padre da sé l'accomiata,

se talvolta avvien che si tramuti / bel sistema per disavventura, / trovate un

vol. I Pag.94 - Da ACCOMODATAMENTE a ACCOMODATO (2 risultati)

machiavelli, 49: né si trova uomo prudente che si sappi accomodare a questo

che ci erano, e che vi sete bene accomodati di questi muri vecchi,

vol. I Pag.95 - Da ACCOMODATORE a ACCOMPAGNARE (2 risultati)

me, e che io non v'accompagni nella buona che nella trista fortuna?

ché quella che ti dee audire / com'io credo, è ver di me

vol. I Pag.96 - Da ACCOMPAGNATA a ACCOMPAGNATO (2 risultati)

petrarca, 311-5: quel rosigniuol che soave piagne /... /

corte quelli che a te piace, che tu sia bene accompagnato. machiavelli

vol. I Pag.97 - Da ACCOMPAGNATORE a ACCONCEZZA (1 risultato)

parole d'una sillaba sola, come , quando vai per sic o per ita

vol. I Pag.98 - Da ACCONCIABILE a ACCONCIARE (4 risultati)

sua linea. carducci, i-441: che fatte emanazioni possano convenire a certi temperamenti

terra sed elli volesse venire in campagna, che noi, dimorando ne'confini del

ecc., circa le chiome, sopra l'acconciamento loro. 3

petinata né lisciata molto... procuri d'andare. idem, 4-55:

vol. I Pag.99 - Da ACCONCIATAMENTE a ACCONCIATURA (3 risultati)

mettersi i panni sotto, né acconciarsi che le cosce, non che le gambe

3-1 (274): egli è sciocco, che egli s'acconcerà comunque noi

m. cecchi, 1-2-3io: e veggendo bel tempo, ed essendomi / assettato

vol. I Pag.100 - Da ACCONCIME a ACCONCIO (4 risultati)

: ogni tuo acconcio mi piace forte, come di quello di colui il quale

] ce ne sono oltr'a quella: come racconcio, l'autorità, ed

il privilegio d'essere... acconcia a descrivere rivoluzioni politiche. d'

: caro figliuolo, va, e sollecitamente con acconcio modo studia, che

vol. I Pag.101 - Da ACCONCIONI a ACCONTARE (3 risultati)

è richiesto; e forse altri trattati ce ne prestano in altri tempi l'acconcio

, e buono, e discreto, esaminò il fatto, e saputo il vero

xxi-956 (29): santo francesco gli disse... mostrandogli chiaramente che

vol. I Pag.102 - Da ACCONTATO a ACCOPPIARE (3 risultati)

anni, io vi esorto a non fare laido accoppiamento. cadetti, 221:

/ i'farò forse un mio lavor doppio, / tra lo stil de'moderni

da'sogni, per la loro vanità; che bene le possiamo accozzare insieme ed

vol. I Pag.103 - Da ACCOPPIATO a ACCORATO (4 risultati)

il tradimento e la vigliaccheria, / come cani in piazza, / ivi s'

, 107-3: freddo e fame gli va accorando. peecc., e a

occorsa al nostro pittore,... grande accoramento gli cagionò, che,

, quel sorriso di luce innamorata che dolcemente accora da render sommessa ogni voce

vol. I Pag.104 - Da ACCORATOIO a ACCORDANZA (1 risultato)

. iacopone, 83-26: o alma ardita / d'aver sua ferita, /

vol. I Pag.105 - Da ACCORDARE a ACCORDATO (10 risultati)

amendue vanno a ferire unitamente in ima , e nell'altra no, delle

no, delle vibrazioni della corda acuta, che di tutto 'l numero delle percosse

d'amore; / e hanno in loro gran varie- tate, / ch'altro

grossa forma e piccola a comparazione di fatta cittade. idem, 11-127: 1

chiesa. petrarca, 48-12: forse come 'l nil, d'alto caggendo,

chi sia il guerriero in su l'arcion saldo, / quei più famosi nominando

che con vertù il correggiate, / che s'accordi i fatti a'dolci detti

: ascolterete bene ciò che io dirò, che le vostre parole poi s'accordino

a parte, e li fiorentini accordatamente vi entrarono dentro. d.

e da tutte le genti fu assunto a alto uficio per legge accordata. redi

vol. I Pag.106 - Da ACCORDATORE a ACCORDO (2 risultati)

minugie d'ottone accordate all'unisono, che toccata l'una risonasse l'altra,

di montagna / non s'introduce in felice accordo. g. b. doni

vol. I Pag.107 - Da ACCORDONARE a ACCORRERE (2 risultati)

vo di giorno in giorno, / chiusamente, ch'i'sol me n'accorgo

integre e col nativo / terreno intorno, che non s'accorga / la svelta

vol. I Pag.108 - Da ACCORRUOMO a ACCORTO (10 risultati)

, / nudi e graffiati, fuggendo forte, / che della selva rom-

iv-119 (6-34): son venuto meno /... / ch'i'

cangi il pelo, / e già di mia vita il fil s'accorti,

. cavalcanti, 2-122: la quale similitudine l'accortezza, sì la diligente osservazione

la quale similitudine sì l'accortezza, la diligente osservazione ci farà scorgere. boterò

è bradamante, or come / ha tosto in oblio messo il mio nome?

pieno, / e fortuna lasciar ch'è fugace? idem, 776:

industre errore / prende accorta a fregiar drappo vago, / l'arteficio e 'l

, / l'arteficio e 'l lavor ben comparte / ch'a natura fa scorno

accorta, / a me si volse in novo colore. idem, 333-12:

vol. I Pag.109 - Da ACCOSCIARE a ACCOSTARE (8 risultati)

del ciel ne fece accorti, / che, pentendo e perdonando, fora

volse fare ballando e saltando, cadde ch'ella mostrò la gamba. dante,

, / nudi e graffiati, fuggendo forte, / che dalla selva rompìeno ogni

troppo, / gridava: « lano, non furo accorte / le gambe tue

che m'aggrava i lombi, / che m'accoscio. monti, 21-153:

mette nelle medicine; imperocch'egli è piccolo e accostante, che appena se ne

, fammi nota / la cagion che presso mi t'accosta. boccaccio, dee

quello numero, ch'era pur uno, diventa tante cose quante sono le cose

vol. I Pag.110 - Da ACCOSTARELLO a ACCOSTO (7 risultati)

, 1-11: poi questi alberi ci terranno il sole, che, per potere

. idem, i-395: chi sarebbe mentecatto, il quale si rammaricasse di non

poteva trovar miglior mezzo che accostarsi con fatto principe. salvini, 39-i-94:

si leva. /... / accostati all'un de'due vivagni,

linati, 30-113: il vino, , vi è accostevole e frizzante.

venute il dì seguente le belle donne, come ordinato aveano, appresso 'l mangiare

18-80: « quelle tre donne accosto al signore? ». / rispose orlando

vol. I Pag.111 - Da ACCOSTO a ACCOVACCIATO (2 risultati)

correndo e gittaliti a'piedi, / che tu paie bene accostumato. sacchetti,

da caccia, / che i cani sono lassi e tapini, / che alcuno

vol. I Pag.112 - Da ACCOVACCIOLARE a ACCOZZO (10 risultati)

venne un altro baleno con un tuono orribile che chiunque era ne la camera

accovolati ben per una quarta ora, storditi che non avevano ardire di levarsi

, i-592: la vogliamo far finita, o no, con questi disorganici accozzamenti

non si può accozzare in uno campo poco, né sì gran numero che e'

in uno campo sì poco, né gran numero che e'non si azzuffino.

da'sogni, per la loro vanità; che bene le possiamo accozzare insieme ed

. bar etti, i-60: io che sono imbrogliato, che per lo dì

arno..., l'arno giunse grosso alla città di firenze, ch'

/ a dar di petto, ad accozzar crudi, / sì come i duo

petto, ad accozzar sì crudi, / come i duo guerrieri al fiero assalto

vol. I Pag.113 - Da ACCREDERE a ACCRESCERE (3 risultati)

]: avverandola con lettere false per fatto modo, che 'l fenno accredere

no possono tuttavia loro filiuoli nudrire, vi diviseremo quali nodrici loro conviene avere

amistà s'accresce per la consuetudine, come sensibilmente appare. idem, par.

vol. I Pag.114 - Da ACCRESCIMENTO a ACCULARE (2 risultati)

accresciuto è per novella piova, / che non può capir dentro al suo

., 32: il sangue s'era accrostellato, dintorno alla sua spada,

vol. I Pag.115 - Da ACCULATO a ACCURATEZZA (1 risultato)

si sono accumulati e quasi addensati in breve tempo, che essi, invece

vol. I Pag.117 - Da ACCUSATA a ACERBITÀ (1 risultato)

è dolore né alcuna acerbitate, ma come un pomo maturo...

vol. I Pag.118 - Da ACERBO a ACERO (6 risultati)

intanto una percossa / giunse nel petto, forte e sì acerba, / che

/ giunse nel petto, sì forte e acerba, / che, bench'avessi

, / né fiere han questi boschi selvagge, / che non sappian quanto

in due amici, egualmente sventurati, ah ! acerbissima cosa è il dividersi.

aprire nel mio corpo nudo / acerbe che non sarìami valso / a medicarle

d'amore, 43-3: e ti lamenti di starmi servo, / dicendo ch'

vol. I Pag.119 - Da ACEROSO a ACETILENE (2 risultati)

era di acero, legno non denso, che per i suoi naturali fori lo

i-65: alcuna volta nasce acertello valente che prende la pernice.

vol. I Pag.121 - Da ACETUME a ACHIRO (1 risultato)

ad un fiume; per- cioché, come il fiume corre continuo, sempre declinando

vol. I Pag.122 - Da ACHIROPOIETA a ACIDOFILO (1 risultato)

achitofelle, / che fui nel consigliar gran maestro ». achiurgìa, sf

vol. I Pag.123 - Da ACIDOSALINO a ACONITO (1 risultato)

ancora in altre parti in questa opera, come nel canto quinto quando

vol. I Pag.125 - Da ACQUA a ACQUA (4 risultati)

pesce d'acqua dolce et salata, di lago (che ce ne sono de'

. villani, 6-55: è quel piano abbondante d'acqua viva, che non

idem, 325-70: il sol mai bel giorno non aperse, / l'aere

vele al noto; / e fu lor sereno il tempo e chiaro, /

vol. I Pag.126 - Da ACQUA a ACQUA (1 risultato)

ciaro a parlare tra loro; e come talora vedemo cadere l'acqua mischiata

vol. I Pag.127 - Da ACQUA a ACQUA (1 risultato)

arrecò pur di segreto mille reliquie; ma ! acqua a mulino. fagiuoli,

vol. I Pag.128 - Da ACQUA a ACQUA (1 risultato)

le volete [le pillole], ne distemperate una o due d'acqua di

vol. I Pag.129 - Da ACQUA a ACQUA (5 risultati)

di santa caterina, che godono di meritata celebrità, scaturiscono a 1853 metri

marcia / che 'l ventre innanzi li occhi t'assiepa! ». idem,

la forma visibile per lo mezzo, si compie, perché quell'acqua è terminata

è vetro terminato con piombo -, che passar più non può, ma quivi

mi darà acqua da piangere a sufficienza gran follìa, chi parole, chi

vol. I Pag.130 - Da ACQUACCHIARE a ACQUAIO (2 risultati)

di fuoco e i capelli neri facevan che a prima vista molti la prendessero per

, / si sta fitta, e s'acquacchia / vergognosa, / paurosa,

vol. I Pag.131 - Da ACQUAIO a ACQUARIO (2 risultati)

acqua marina; e quest'acqua marina è color bellissimo, e si adopera

bellissimo, e si adopera in oro, bene come in argento. 3

vol. I Pag.132 - Da ACQUARIO a ACQUATINTA (2 risultati)

le anitre acquatili, alle quali somiglia nella grandezza come nella figura e nel

protettivo di polvere resinosa, che fa che l'acido agisca solo attraverso i minutissimi

vol. I Pag.133 - Da ACQUATIVO a ACQUEDOTTO (3 risultati)

si chiudea; ed acquata la greggia, la basciò. trattato delle mascalcie,

firenze grande diluvio d'acqua e di piene disor dinatamente, che il

piegate per l'acquazzone e per vento, le drizza [il sole] dolcemente

vol. I Pag.134 - Da ACQUE ITÀ a ACQUETTA (1 risultato)

lenta; quella, di più breve durata , ma più

vol. I Pag.135 - Da ACQUICOLA a ACQUIETARE (2 risultati)

l'erbe e scende per lo monte / dolce a ber, ch'ogni altro

ebbi già tra voi lo stile / vago, ch'acquetava ogni altrui pianto

vol. I Pag.136 - Da ACQUIETAZIONE a ACQUISTARE (5 risultati)

se per questo ettemal vita acquisto, gran mercato mai non fu venduto. idem

s'armi, /... / di vivanda, che stretta di neve

di piacer lo canto acquista, / , mentre che parlò, sì mi ricorda

, / sì, mentre che parlò, mi ricorda / ch'io vidi le

269-12: o nostra vita ch'è bella in vista, / com'perde

vol. I Pag.137 - Da ACQUISTARELLO a ACQUISTO (5 risultati)

potere facilmente acquistare tanta notizia e facoltà di lettere amene e sì di filosofia.

notizia e facoltà sì di lettere amene e di filosofia. tommaseo- rigutini, 171

'l perde / non come prima acquistai mai verde. idem, 279-16: le

ogni suo potere molto e niente acquistando, come di leggiere avviene, le ricchezze

in timore. lacopone, 15-37: quisto è iesù cristo, lo figliolo de

vol. I Pag.138 - Da ACQUITRINA a ACRE (2 risultati)

iacopone, 90-101: sopr'onne altura è grande acquisto, / de cristo e

esser parea / di questo nuovo suo odioso acquisto, / che della donna

vol. I Pag.139 - Da ACRE a ACRIMONIOSO (4 risultati)

[questa terra] è di valor nuda e macra, / tanto ritien del

, purg., 9-136: non rugghiò né si mostrò sì aera / tarpea

9-136: non rugghiò sì né si mostrò aera / tarpea, come tolto le

.. / ma tenersi di sopra lontano, / che non fosse acre la

vol. I Pag.142 - Da ACUITÀ a ACUTAMENTE (5 risultati)

d'una differente acuità di piacere: che rinuncia e riserbo sembravano nascondere

zenone da pistoia, 1-2: e vedrai coperti gli alti acumi / de'

punto vidi che raggiava lume / acuto che 'l viso ch'elli affoca / chiuder

conchiusa [la fede] / acutamente , che 'nverso d'ella / ogni

. salvini, 39-iii-182: noi che certo veggiamo nelle cose nostre, negli

vol. I Pag.143 - Da ACUTANGOLO a ACUTO (5 risultati)

senza alcuna punta. idem, i-432: come il porco, poi che sente

la rosa sei. / or di bella rosa, / già che serbo nel

un punto vidi che raggiava lume / acuto , che 'l viso ch'elli affoca

alla finestra, il giorno / abbassava, acuta era la pena / che morte

par., 22-126: « tu se' presso all'ultima salute », /

vol. I Pag.144 - Da ACUTO a ADACQUATOIO (5 risultati)

inf., 26-121]: fec'io acuti, cioè sì volenterosi.

: fec'io sì acuti, cioè volenterosi. 6. di tono

amendue vanno a ferire unitamente in una , e nell'altra no, delle vibrazioni

, delle vibrazioni della corda acuta, che di tutto 'l numero delle percosse la

lagrime convien che 'l viso adacqui, / che tutto ne sciacqui / e spiri

vol. I Pag.145 - Da ADACQUATORE a ADAGIO (2 risultati)

maraviglia / com'è l'umana gente smarrita, / che largamente questo mondo

guanciale sotto il capo del giacente, che quegli che della colpa dovea esser corretto

vol. I Pag.146 - Da ADAGIO a ADAMO (9 risultati)

, 4-87: non sarò ingrata a fedele amante, / ch'io non son

le colonne son di solido adamante: che nulla potenzia d'uomini,

, gli alziate al vólto, / ch'egli vi si specchi, e 'l

può con occhio asciutto / a spettacol fiero / rigido starsi, ha ben ricinto

. bibbia volgar., i-33: iddio chiamò adam, e disse: -dove

molto, conciosiacosaché ignudo fossi, e mi nascosi. idem, v-674:

: quando adam fue gittato del paradiso, gli convenne lavorare per guadagnare sua vita

« humo », cioè terra. che quasi e l'uno e l'altro

in me tua grazia piovi, / che il mio vecchio adam purghi e

vol. I Pag.147 - Da ADANAIATO a ADATTATAMELE (3 risultati)

, fanno come li marinari, che adastiano intra loro di governare la nave

ciascuno tragga la sua dilettanza, e l'un senso all'altro non porti invidia

vorrebbe pur adattarlo in tutto, e farlo tornare acconcio a spiegare anche la

vol. I Pag.148 - Da ADATTATO a ADDECIMAZIONE (6 risultati)

così convenevole come l'amistà, alle cose prosperose, come eziandio all'awersitadi

la seconda e terza schiera / passò come prima avea fatto; / non lassò

ma l'uomo non era addanaiato che di buoi la tenesse ben fornita.

67-13: amor, tua compagnia tosto m'è falluta, / non saccio do'

né ci ad- demmo di lei, parlò pria, / dicendo: « o

il fatto mio sanza romore, / che nessun se n'è ancora addato.

vol. I Pag.149 - Da ADDEMANNARE a ADDENTELLARE (3 risultati)

si sono accumulati e quasi addensati in breve tempo, che essi, invece

può] discerner le morse, o le adunche tanaglie, con che le formiche

or salta a quello in tergo e gli scava, / con le zanne la

vol. I Pag.150 - Da ADDENTELLATO a ADDESTRARE (4 risultati)

debbo sentirla come pochissimi, avendo conosciuto addentro quell'eccellente amico. settembrini,

hai potuto tu... / serbar addentro quell'infamia chiusa / nel cuore

a'giovani. bembo, 1-110: come coloro che non hanno a cui piacere

in diverse e non leggiere pruove esercitarse: come in lanciare il grave palo,

vol. I Pag.151 - Da ADDESTRATO a ADDIETRO (2 risultati)

addestrati, se la necessità lo ponesse in gran cimento. l. bellini,

: e li giovani di quelli barbari ferivano ne la pressa la loro gente

vol. I Pag.152 - Da ADDIETTIVAZIONE a ADDIMANDATO (7 risultati)

leopardi, 39-57: correa, / che i panni e le chiome ivano addietro

nel futuro. cantari, 15: bella corte tenne quel barone, / che

: santo ioanni a queste addoman- dagioni potea troppo ben tacere, ma s'egli

taciuto e non detta la verità, avrebbe mentito. livio volgar.

suo peccato? idem, 43-409: iustizia addemanna tatto / de la vertute.

viniziani addomandarono e voleano tali patti e larghi, che messer mastino non li

cellini, 2-112 (496): che se io volevo tornarmi in francia innel

vol. I Pag.153 - Da ADDIMANDATORE a ADDIRE (4 risultati)

cortesi adimorato: / come villano e desconoscente / te trova l'omo,

/ te trova l'omo, e mal costumato? iacopone, 88-75: si

ridissi addio: e il congedo fu cordiale che altrove io l'avrei suggellato d'

suo bastone, addio -mi dicevo fra il e il no di ripigliar lo slancio

vol. I Pag.154 - Da ADDIRE a ADDISCIPLINARE (4 risultati)

sia cosa che alcuni concetti si scrivano che ognuno li possa intendere, alcuni

delusione. era questa la città? , le case erano più grandi..

cani. sbarbaro, 1-76: né con deboli nocche mi sognai di bussare al

per cupidigia, cacciano l'addirizzatore, come alcuna volta il fantolino [fa]

vol. I Pag.155 - Da ADDISCIPLINATO a ADDIVIDERE (11 risultati)

. / consacrerò fra'peregrini ingegni; / ch'ogn'età, quasi ben nati

che m'addite la cagione, / ch'i'la veggia e ch'i'la

il diamante e sua natura addita / dur, che ferro o foco non

, questa è felice vita: / l'insegna natura, e sì l'addita

: / sì l'insegna natura, e l'addita. campanella, 1-68:

la tua inspirazione... farà che molti mirino più addentro e con più

è caso, cioè impedimento ch'adiviene, che non si puote fare quello che

altra gente addivenisse, e addivegna ancora, come in grecia, non volgari ma

dee., 10-8 (456): come di tutte le cose addiviene,

.. ven- negli fatto di snodare ben la favella, e...

per li stretti canali dell'epiglottide e per la volta della gola e del palato

vol. I Pag.156 - Da ADDIVINARE a ADDOBBATO (2 risultati)

ch'io dissi: -o eliòs che gli adobbi! sacchetti, 190-15: e

, poiché avrà addobbate le dette cuoia da suolo come da tomaio, le vorrà

vol. I Pag.157 - Da ADDOBBATORE a ADDOLCIRE (2 risultati)

. bartoli, i-436: le chiocciole sono belle. eccovene in prima le yestite

1-185: e con le canne sue dolce canto / rende, che n'addolcisce

vol. I Pag.158 - Da ADDOLCITIVO a ADDOMANDARE (2 risultati)

viva giustizia / in noi l'affetto , che non si puote / torcer già

superba non è addolcitrice di dolori, ma irritatrice. addolire, intr.

vol. I Pag.159 - Da ADDOME a ADDOPPIARE (4 risultati)

signore e signori, l'ho addomesticato, che mi séguita come un cagnolino.

le sue coltivazioni, agricoltori; / e , col coltivare, le salvatiche /

s'accenda ogni mio zelo, / ch'ai mio volo l'ira addoppi i

è sola, / anzi parlando teco s'addoppia, / ch'a lo sfogar

vol. I Pag.160 - Da ADDOPPIATO a ADDORMENTARE (3 risultati)

. salviati, 20-65: o questo sarà un lavoro addoppio di quei fini!

. leonardo, 2-125: la serena dolcemente canta, che addormenta i marinari;

16-i-57: e mi sveglia un dolor vivo e fiero, / ch'erba od

vol. I Pag.161 - Da ADDORMENTATICCIO a ADDOSSARE (4 risultati)

per ciò che 'l pugno li era adormentito per li colpi ch'avea donati

e addormentatrice, come una ninna nanna che degeneri in cantilena. —

è tanta la forza della fantasia, e debole l'addormentazione de'riposati membri,

corpo morto è caduto; la tignuola si addosserà sotto a te, e

vol. I Pag.162 - Da ADDOSSATO a ADDOTTORATO (3 risultati)

li metti / li unghioni a dosso che tu lo scuoi. g. villani

storpiare ogni bene, gli mise addosso forte stimolo e sì ardente tentazione di

, gli mise addosso sì forte stimolo e ardente tentazione di carne, che per

vol. I Pag.163 - Da ADDOTTRIN ABILE a ADDURRE (3 risultati)

e dà ad altr'a vedire, / divengo per voi addottrinato / ch'

nova, / le cui pareti son adrapati / che non si vede se

ch'eo vi porto / mi dona gran gioia ed allegranza / ch'aver mi

vol. I Pag.164 - Da ADDUTTORE a ADEGUARE (5 risultati)

/ che m'ave addutto a amar alt'amanza. guinizelli, iv-15 (

vera leggiadria e in esser dura, / come il sole al cui esser s'

quando il sole è in quelli, tocca l'equatore, e perciò s'adequa

l'arte stessa non poteva mai sotto una gran cupola 2. adeguamento dei

ch'al ed in ispazio vasto,... dare una misura

vol. I Pag.165 - Da ADEGUATAMENTE a ADEMPIERE (3 risultati)

, 298: ah non sia leggera / vergine mai, che creda /

perdono se non abbiamo degnamente adempito un gran ministero. [ediz. 1827

mondo fu in pace e in riposo, che fue adempita la profezia d'isaia

vol. I Pag.166 - Da ADEMPIMENTO a ADERENTE (2 risultati)

fa mestier che iulio s'armi / che di nostra fama il mondo adempi.

essendo a quello bene aderente ed attaccato che mossa l'estremità del gambo del

vol. I Pag.167 - Da ADERENTEMENTE a ADERMIA (2 risultati)

dante, purg., 19-118: come l'occhio nostro non s'aderse

fine vero; come la speranza fa che ci alziamo ad esso; e come

vol. I Pag.168 - Da ADERPICARE a ADESO (2 risultati)

dante, inf., 13-55: col dolce dir m'adeschi, / ch'

inveschi / ora piu: tanta i parlator pretti; / e nulla in lor

vol. I Pag.169 - Da ADESPOTO a ADIETTIVO (2 risultati)

: adesso com fu il sole, / tosto lo splendore fu lucente. caro

per ciò non mi dispero / d'amar altamente; / adesso merzé chero /

vol. I Pag.170 - Da ADIETTO a ADIRATAMENTE (3 risultati)

ha forza d'occupare l'animo che egli non possa disceradipocéra, sf

e quello ch'è veramente mansueto, si adira di quello che dee, e

adiri a cotal vista, a fatti / nequitosi? tommaseo-rigutini, 2008: adirarsi

vol. I Pag.171 - Da ADIRATICCIO a ADIUNGERE (1 risultato)

non portino al figliuolo; ma mitigandola gli dicano che egli nella sua presenza venga

vol. I Pag.172 - Da ADIURARE a ADOCCHIATO (3 risultati)

rispose: -o tu, che bisbigli, / perché al caso tuo cordoglio

nostra ragione e del nostro comune, dovemo noi avere sicura speranza che li

chiusi per lui si stanno, / che gir ne convene a colui posta,

vol. I Pag.173 - Da ADOCCHIATORE a ADOMBRARE (5 risultati)

in tutto questo mio ragionare, quantunque lungo, non si contiene nulla di più

nube, temettero. petrarca, 11-14: mi governa il velo, / che

chi palido si fece sotto l'ombra / di parnaso, o bevve in sua

? marino, 11-3: che i tuoi chiari e sì famosi vanti / adombri

11-3: che i tuoi sì chiari e famosi vanti / adombri oscuro inchiostro,

vol. I Pag.174 - Da ADOMBRATAMENTE a ADONE (7 risultati)

n'aom- brò di questa novella per fatta maniera, che quasi ne parea

foscolo, v-105: gran noia al certo pel cavaliere sì pel cavallo -se questo

: gran noia al certo sì pel cavaliere pel cavallo -se questo rizza l'orecchie

, io-7 (450): egli cominciò dolcemente sonando a cantar questo suono,

reai casa n'erano parevano uomini aombrati, tutti stavano taciti e sospesi ad ascoltare

40: e quand'ella m'appare / grande gioia mi dona / che

da quando è risanata io non ci vado spesso, ed ora assai meno che

vol. I Pag.175 - Da ADONE a ADOPERARE (7 risultati)

per ingiuria par ch'aonti, / che si fa della vendetta ghiotto.

parole, / e passati i sett'anni si vuole / adoperar la ferza e

e la 'ndustria dell'artefice s'adopera, come è il comporre una statua.

192-147: sono questi così fatti uomeni ciechi di loro che non credono che piacevolezza

, abbattutisi i lor componenti a porsi in fatte disposizioni in coteste ampie moli,

errore / prende accorta a fregiar drappo vago, / l'arteficio e '

/ l'arteficio e 'l lavor ben comparte / ch'a natura fa scorno

vol. I Pag.176 - Da ADOPERATO a ADORAMENTO (6 risultati)

non è sicura senza la sperienza: come noi vedemo molto medici, li quali

che benedetto sia lo signore, che mirabilmente sae adoperare! ». idem,

che gran tempo fosse passato, seppe ella fare, che ella fece ragionare del

bisogno averne per muovere e condurre un gran fatto. 2. lavorato

ronchio, fissi agli occhi lieti / adoppiati aveva e sentimenti, / ch'un

esaltazione del corpo loro così sovrana e sola, tutta adorabilità, tutta dio

vol. I Pag.177 - Da ADORANDO a ADORAZIONE (10 risultati)

e 'l figliuolo e lo spirito santo , come uno iddio in tre persone.

questo giullare l'ado rava come un suo iddio. francesco da barberino

adorarono: li altri vedendo la cosa ristretta, per paura accederono. idem,

. idem, 2-2-71: voi siete generoso, che non vi lasciaste mai

or, che 'l vulgo adora / come idoli suoi tu fossi vago, /

, i-49: io non me li merito mali trattamenti, ché, se osassi

tuoi prieghi cortese / in fano, che ben per me s'adori / pur

. giordani, ii-179: questa notizia inaspettata, sì dolorosa mi ha trovato tutto

ii-179: questa notizia sì inaspettata, dolorosa mi ha trovato tutto abbattuto e

n'ebbe di questi [idolatri] un bel numero a battezzare; e gli

vol. I Pag.178 - Da ADORDIN ARE a ADORNARE (6 risultati)

venteggia, perché ora è vento, e come dal vento diciamo 4 venteggia '

parole fa che siano quasi un mezzo, entrasse, / dalli stormenti parea

la sua beleza, e fassi bella come isposa adomata di cari colori. bartolomeo

1-1-6: ella [la virtù] è bella da sé, che niun altro

il-xv-n: quando dice: tu vedrai di alti miracoli adornezza, annunzia che per

e in efficace / modo l'adorna che sforza e piace. idem, 8-78

vol. I Pag.179 - Da ADORNATAMENTE a ADOTTARE (8 risultati)

dante, conv., iv-xxvi-2: come la nobile natura in adolescenza ubidente

t'inganni, tu vedrai / di alti miracoli adomezza, / che tu dirai

« cosa mortale / come esser pò adoma e sì pura? ». idem

mortale / come esser pò sì adoma e pura? ». idem, purg.

, / mirando gli atti per mio mal adorni, / piacciati ornai col tuo

quei fusti umidi e adomi / di tenera chioma. comisso, 12-96: [

201-1: mia ventura et amor m'avean adomo / d'un bello aurato e

: o grazie, e voi che l'avete adorno [il fanciullo],

vol. I Pag.180 - Da ADOTTATIVO a ADSTRATO (4 risultati)

senza indugio i provvedimenti necessari a far che la spedizione di roma non fosse

sagio in chaldo e in freddo, vale molto a prendere musselagosellii e granella

forse ei ripensa la sua sinigaglia / bella a specchio dell'adriaco mare. d'

/ col mio pianto mi purga / ch'io per te risurga / dal fondo

vol. I Pag.181 - Da ADUGGERE a ADULATORE (7 risultati)

. anguillara, 3-192: e cresce il desio, tanto l'adugge,

/ il telo, che temuto è la giue? = lat. adùrère

petrarca, 56-5: qual ombra è crudel che 'l seme adugge /

adugge / ch'ai disiato frutto era presso? michelangelo, 263 (205

, 45: quell'idea che aduggia facilmente ogni nòbile istinto. pirandello,

e aduggiato. bembo, 1-156: come pianta in aduggiato terreno essi poco allignano

l guanciale sotto 'l capo del giacente; che quegli, che della colpa dovea

vol. I Pag.182 - Da ADULATORIAMENTE a ADULTERAZIONE (1 risultato)

, 41-23: de le quattro vertute / la volse vestire: / per lo

vol. I Pag.183 - Da ADULTERIA a ADULTO (2 risultati)

, per ciò che sono tutte ree, come è in fare furto, omicidio

nemiche, occupate l'adultere case, che gl'iniqui occhi non godano d'

vol. I Pag.184 - Da ADUMILIARE a ADUNATO (6 risultati)

i più antichi, vi scorgo un discorso puerile e leggiero che è indegno d'

, 13-58: quella viva luce che mea / dal suo lucente, che non

questi pezzi in forma di zolfanelli, e come mazzo di zolfanelli gli aduna insieme

purg., 2-70]: come le persone s'adunano intorno a chi

d'intorno in nuvolo raccolto, / che 'l gran carro ne ricopre e cinge

e onne puza de privata, / seria moscato ed ambra po''l fetor deglie

vol. I Pag.185 - Da ADUNATORE a ADUSARE (7 risultati)

adunate. tasso, 17-9: tanto e fatto re l'arme raguna; /

. g. gozzi, iii-317: non tosto ebbe giove terminato il suo comandamento

discemer le morse, 'o le adunche tanaglie, con che le formiche addentano

conservato fortuna. guittone, i-28: m'ha lo cor adusato a la sovraricca

così se l'ausi al male, 'l si piglia. bibbia volgar.,

] adusare da giovani a ben fare che elli lo ritegnano tutto tempo della

nostro scender convien esser tardo, / che s'ausi un poco in prima

vol. I Pag.186 - Da ADUSATO a AERE (5 risultati)

o funghi, come si chiamano, che diventano un tizzone. campanella,

a gran foco mostrata: / en tanto reluce a quello lume tratto, /

àre, / e mena seco amor, che parlare / null'omo pò te

test'alta e con rabbiosa fame, / che parea che l'aere ne temesse

messer lo giudice, il quale era geloso che temeva dello aere stesso, se

vol. I Pag.187 - Da AERE a AEREO (6 risultati)

in aere per dietro le spalle, e lungo come era il distese in quella

. anguillara, 4-35: tisbe avea dolce aere e tal beltade. idem,

e vago / ebbe da'padri un aer felice. 2. disposizione d'

lucregia lo ricevette di buono aere, come parente, e come quella che a

libertà la tenerella pianta / crollar, come d'eolo irato il figlio / l'

discendea la celeste. carducci, 990: come fiocchi di fumo candido / tenui

vol. I Pag.192 - Da AFFACCENDARE a AFFACCIARE (2 risultati)

a credere, ch'e'ci corra poco da noi a quel maestro sovrano?

13-12: io questo ciel, che benigno / appare in vista, a

vol. I Pag.193 - Da AFFACCIATO a AFFANGARE (6 risultati)

si nascondano / le maledette crespe, che affaldano / il viso e il petto

empion gli armari, / fan che tosto il viso lor s'affaldi. arici

, 23-37: già era in ammirar che li affama, / per la cagione

, 1-90: fece un giro, come fae l'affamatissimo nibbio. m.

detta casa, 612: tu non parlerai lento, come svogliato, né sì

sì lento, come svogliato, né ingordamente come affamato; ma come temperato

vol. I Pag.194 - Da AFFANGATO a AFFANNO (5 risultati)

.. tutta agevole e lastricata, che, per quanto diluvii il verno,

, aminta, 1637: io ho pieno il petto di pietate / e sì

sì pieno il petto di pietate / e pieno d'orror che non rimiro /

giunto in camera tanto era affannato, per la còlerà che lo rodeva come

7-4-166: fuggono i veri amanti, come scoglio il buon nocchiero, così

vol. I Pag.195 - Da AFFANNONE a AFFARACCIO (3 risultati)

ciacco, il tuo affanno / mi pesa , ch'a lagrimar mi 'nvita.

364-11: pentito e tristo de'miei spesi anni / che spender si deveano in

di que'beni medesimi a'quali aveva affannosamente aspirato. leopardi, iii-272: buoni

vol. I Pag.197 - Da AFFARE a AFFARUCCIO (4 risultati)

vi dà misura, / vedendo voi dura ver naturale usanza. / ben

sembiante a cera, / anz'è fresca e bella / che lo me'cor

162): io non conosco uomo di alto affare al quale voi non doveste

], 3-25: nota che tale espressione s'affà al luogo. s.

vol. I Pag.198 - Da AFFASCIARE a AFFATICAMENTO (1 risultato)

chi ha da dipender l'ultima risoluzione, che quella ancora non possa esser in

vol. I Pag.199 - Da AFFATICANATURE a AFFATICATO (5 risultati)

bibbia volgar., vi-19: e anche mi avvidi come gli uomini s'affaticano

fuor de la veduta mia, / ch'a mirarlo indarno m'affatico.

diletto m'affatico ne la sposizione di fatto poema. sacchetti, 193-118: affatichisi

inquietar gli altri: e tutti aspiriamo ardentemente al riposo, appunto perché non

affaticava. cino, ii-538: mi sdegnate come inimico, / sol perch'i'

vol. I Pag.200 - Da AFFATICATORE a AFFAZZONAMENTO (2 risultati)

ri- selgano: ma non affatto, che cader possano per sé. ariosto

/ ch'una causa et un'altra lo trasse. bracciolini, 2-18-86: così

vol. I Pag.201 - Da AFFAZZONARE a AFFERMARE (2 risultati)

assol. esprimere una certezza, dire di . guittone, 3-15: anima razionale

pieno di maraviglia, seco affermando mai bella cosa non aver veduta. idem

vol. I Pag.202 - Da AFFERMATAMENTE a AFFERRARE (6 risultati)

2. rispondere affermativamente: dire di . = comp. di affermativo.

affermativa: con cui si risponde di a una domanda. fra

. l'affermare, il dire di , l'enunciare una proposizione affermativa;

con ottime prove, avevan detto di ! panzini, iii-336: era vissuto [

voltare afferra / la spada sua, che ben punge e taglia. idem,

petrarca, i-4-43: eranvi quei ch'amor leve afferra. pulci, 4-28:

vol. I Pag.203 - Da AFFERRATO a AFFETTARE (7 risultati)

fier ponere en terra / e su 'l ce fiero colcare; / l'uno

gli aferra, / l'altro chiovo spontaro. cantari, 205: e di

spartani, perché portavano al fianco spade corte,... rispose:

, ma non vi fa ulive, come la palma non matura i datteri in

tuo piagner me stuta, ché 'l veio afferrato. aflferratóio, sm

si vuol parlare apertamente e ordinatamente, che non abbino afferratoio alcuno.

la natura in affettare così ricercatamente una superstiziosa onomatopeia? 2. disus

vol. I Pag.204 - Da AFFETTARE a AFFETTIVO (2 risultati)

segneri, ii-203: erode stesso, quel superbo affet = voce dotta, dal

. affezione, n. 4. , ma per man di un'angelo.

vol. I Pag.205 - Da AFFETTO a AFFETTUOSITÀ (8 risultati)

74-7: la iustizia en estante l'affetto ha pigliato, / e con tutta

che sono parlare d'amore, sonan dolci, che la mia anima, cioè

, amore! / perché seco dovea dolce affetto / recar tanto desìo, tanto

quando l'arco dell'ardente affetto / fu sfogato, che 'l parlar discese /

gridò, gioì, temè la gente / com'eran de'sicoli e de'teucri

amava. alfieri, i-59: quegli effetti dottamente e affettuosamente scolpiti dal nostro divino

voi ricevuto, né credo che affettuosamente alcuna di loro disiderasse de'

bonaventura volgar., 2-79: questa affettuosità nel rendere grazie, come eziandio nell'

vol. I Pag.206 - Da AFFETTUOSO a AFFEZIONE (6 risultati)

è dido, /... / forte fu l'affettuoso grido. boccaccio

]: affettuoso: qualità dello stile, di una composizione musicale, come della

: come adunque, dopo tanti e grandi beni, per sua spontanea volontà

idem, par., 25-21: come quando il colombo si pone / presso

tu mi seguirai con l'affezione, / che dal dicer mio lo cor non

che piace. leonardo, 1-230: questo pestifero animale ha tale affezione nella sua

vol. I Pag.207 - Da AFFEZIONEVOLE a AFFIBBIARE (4 risultati)

sogni loro con tanta affezione e facendone gran maraviglia, che è uno isfi-

26-22]: in questi versi denota per le dolci parole, sì per

versi denota sì per le dolci parole, per la comparazione, la grande affezione

29: aliquante fiate è cotidiana, come si puote vedere in quello febbricitante,

vol. I Pag.208 - Da AFFIBBIATO a AFFIDARE (3 risultati)

: non mi abbiate / per uom di poco rispetto e tanto / audace,

'ncerto regno / de la fortuna che varia e cangia / in tante guise.

, ed io escla- mava: « , la tua bontà m'affida! *

vol. I Pag.209 - Da AFFIDATAMENTE a AFFIGGERE (2 risultati)

: e qui la voce già sommessa affievoliva fino al sussurro. d'

rivolta e riguardar nel sole: / aquila non li s'affisse unquanco. varchi

vol. I Pag.210 - Da AFFIGLIARE a AFFILATO (2 risultati)

dei santi barlaam e giosajatte, 67: viene [il cacciatore] a'suoi

'l falconiere a'suoi falconi; e fanno loro grande gioia, per meglio prendere

vol. I Pag.211 - Da AFFILATOIO a AFFINATO (1 risultato)

la travaglia. pucciandone, iii-1-55: e n'afinerai com'oro al foco

vol. I Pag.212 - Da AFFINATOIO a AFFIOCARE (4 risultati)

): conchiusero che quella ingiuria e manifesta onta non era a modo veruno

si potea più, di rivederti, / per l'affinità ch'ab- biam legata

affinità ch'ab- biam legata, / per li tuoi maravigliosi merti. carletti

, la quale gli tiene uniti, che non senza qualche poco di violenza si

vol. I Pag.213 - Da AFFIOCATO a AFFISARE (6 risultati)

non riguarda affisamente in niun luogo, è savio e ingannatore. 2

landino, 327: è l'aquila di potenti occhi che sopra la facilità d'

e riguardar nel sole: / aquila non li s'affisse unquanco. vellutello

par., 1-48]: 'aquila non li s'affisse unquanco ': dicono

: dicono che l'aquila è di possenti occhi, che oltre a tutti gli

sole. petrarca, 123-8: conobbi allor come in paradiso / vede l'un

vol. I Pag.214 - Da AFFISATO a AFFITTANZA (4 risultati)

non èi posseduto; / onne atto t'è rennuto, / sì sta l'

onne atto sì t'è rennuto, / sta l'amore affissato. novellino,

dama in faccia, scoperta e immobile, come tutta affissata nel predicatore. c

affissazióne, è come quando lo scrittore scrive leggermente, che a fatica colla penna

vol. I Pag.216 - Da AFFIZIO a AFFLITTO (4 risultati)

deh, veggiamo perché l'onnipotente iddio duramente affligge... coloro i

, / poi che gli accade in palese loco. tasso, ii-505: io

cui era circondato mio padre -altra volta fiero e gagliardo -ciò che più mi

li nostri guidator de la battaglia / so en trademento / e li confalon de

vol. I Pag.217 - Da AFFLIZIONE a AFFLUENZA (7 risultati)

, 78-29: l'amore... saitta / de gran secreto sua lancitta

; / e de la doglia diverrò magro / de la persona e 'l viso

mugghiava con la voce dell'afflitto, / che, con tutto che fosse di

piòta ', cioè con tanta afflizione, per la diritta via la quale smarrita

via la quale smarrita avea, e per lo non vedere, per le

, ii-47: veda, io son certo del presagio che le fo, che

, ii-253: dov'è ita quella schiera nobile di virtù,...

vol. I Pag.218 - Da AFFLUIRE a AFFOGANTE (2 risultati)

ch'è il fuoco eternale che le affuoca dentro, che poi paiono vermiglie;

punto vidi che raggiava lume / acuto , che 'l viso ch'elli affoca

vol. I Pag.219 - Da AFFOGARE a AFFOGATO (7 risultati)

oh venga dì che sangue v'empia / che v'affoghi. panzini, ii-112

[il predicatore] avea prima gli uditori radi, che dall'uno all'altro

altro avea parecchie braccia; ora v'erano stretti che l'affogava l'un l'

villani, 9-80: tutta la state fu forte piovosa, e 'l paese

ogni sementa. allora le terre affogarono , che più anni appresso quasi non

sanza fedirlo il presono e strangolarlo, che affogò. guido delle colonne volgar

, e con naufragio l'attuffano, che li loro navicatori dormienti con sventurato

vol. I Pag.220 - Da AFFOGATOIO a AFFOLTARE (4 risultati)

siccome si conveniva a un principe grande, che facesse una cappella di

, / lascia andar li compagni, e passeggia / fin che a'lor nimici

del casso [= petto], / lasciò trapassar l'un l'altro,

ch'i'posi questo peso / che m'affolla, ponendolo abbasso?

vol. I Pag.221 - Da AFFOLTATA a AFFONDARE (7 risultati)

boccaccio, ii-52: e1 m'ha criseida l'anima tolta, / co'suoi

lo disio fervente che s'affolta / sopra il cuor nel quale io ardo e

[i nemici] non combattessero di grande forza, né non venissero così

hanno ad affondar nel mezzo, che in fatto affondamento termini liberamente il canto della

oh cupidigia che i mortali affonde / sotto te, che nessuno ha podere

. petrarca, 135-19: una pietra è ardita / là per l'indico mar

consuetudine la aveva affondato nel pelago amoroso ch'egli non ci era più via

vol. I Pag.223 - Da AFFORZATO a AFFRANCARE (1 risultato)

tu te afforzassi; / en te aggi pace; abbracciai, se t'abbraccia

vol. I Pag.224 - Da AFFRANCATO a AFFRATELLATORE (2 risultati)

; solo la persistente agitazione nervosa faceva ch'io mi reggessi tuttavia. viani,

essere altrimenti effetti del corpo, ma bene certi modi confusi, che nascono

vol. I Pag.225 - Da AFFRATELLEVOLE a AFFRETTARE (6 risultati)

la croce me signai / e lo ramo pigliai, / tutto lo core ci

/ tutto lo core ci affrattai, / che en alto fui levato.

occhio con l'acqua chiara, riuni' la vertù disgregata che tomai nel primo

il deserto, e spegneràe la verdezza come fuoco: la medicina di tutti

spaventati, gl'incalciaro da presso, e fieramente gli affrettavano, che non lasciavan

io gli diedi parecchi de'miei calci; ch'io lo affrettai ad ordinarmi questa

vol. I Pag.226 - Da AFFRETTATAMENTE a AFFRONTARE (2 risultati)

le volea / dar rabican, che nel corso affretta, / che se scoccando

la fulminea spada in cerchio gira; / che le vie si sgombra e solo

vol. I Pag.227 - Da AFFRONTARE a AFFUMICARE (4 risultati)

sua gente, e affrontossi battaglia, che d'una parte e d'altra

altro, gli connette e gli lega facilmente, che par che vi vadano

e metterli in volta; e fu forte la percossa, che i più de'

, 50-13: periglio è grande in donna vestita: / però 1'affronto de

vol. I Pag.228 - Da AFFUMICATA a AFONO (2 risultati)

forse più nobili gli avevano, ma affumicati, che in essi niun'altra cosa

uomo gentile. ariosto, 34-8: poco e quasi nulla era di luce /

vol. I Pag.229 - Da AFORISMA a AFRODISIACO (1 risultato)

elli avenisse ch'elli avesse sete, usi melle grane [= melegrane] e

vol. I Pag.230 - Da AFRODISIO a AGATA (1 risultato)

cesi, i-84: né l'agalloco celebre e pregiato per l'odore come

vol. I Pag.231 - Da AGATA a AGENTE (1 risultato)

... moltissime agate orientali macchiate felicemente in sembianza di volti o di membra

vol. I Pag.232 - Da AGENZARE a AGERE (4 risultati)

idem, conv., iii-xiv-2: come ne li agenti naturali vedemo manifestamente

quale non richiede la materia innanzi disposta, come li agenti naturali, in produrre

, adornarsi. patecchio, v-140-21: me noia prete chi s'agenza, /

molteplicità degli affari contenziosi presso le amministrazioni pubbliche come private, le gestioni delle

vol. I Pag.233 - Da AGEVILE a AGEVOLE (2 risultati)

/ lasciatemi pigliar costui che dorme, / l'agevolerò per la sua via.

becchina] d'un giogante, / com'ell'è d'un agevol coiaio.

vol. I Pag.234 - Da AGEVOLEMENTE a AGGANCIO (2 risultati)

non seria far bon un cattivo / agevolmente come si fa 'l bere.

assidua che ne impietriva il segno, che né sorriso, né dolore,

vol. I Pag.235 - Da AGGANGARE a AGGETTARE (5 risultati)

il minore dito della sua mano era grosso, che l'uno di noi noi

ell'era [la quercia] grossa , ch'aggavignato un uomo non l'arebbe

verso il collo, l'ag- gavignò forte con quegli denti aguzzi, che e'

gli acini nel grappolo dell'uva, ch'ella s'aggavigni tra l'uno

tutte queste ed altre prerogative di un nobile studio, perché ancor 10 veramente

vol. I Pag.236 - Da AGGETTATO a AGGHIACCIARE (3 risultati)

baldinucci, 7-85: son questi piloni di vasta struttura, che nella superficie loro

muraglie. algarotti, 3-307: a fatto inconveniente trovar potrebbesi più compensi:

secca et agghiaccia. tasso, 14-34: come soglion là vicino al polo,

vol. I Pag.237 - Da AGGHIACCIATO a AGGIARDINARE (3 risultati)

sali. marino, 354: da pietose e flebili querele / (quantunque

, 67: e veramente egli era forte agghiadato, che non poteva parlare.

alleanza. nieri, 392: e che ci si metteva con tutto il

vol. I Pag.238 - Da AGGIGLIATO a AGGIOTATORE (2 risultati)

girare anche lui intorno all'ordigno, che pareva un ciuco aggiogato alla ruota

. / odia la luce, e non tosto aggiorna, / che a rimpiattarsi

vol. I Pag.239 - Da AGGIOVARE a AGGIRARE (1 risultato)

: s'io lo posso da discosto, che egli non mi vegga, seguitare

vol. I Pag.241 - Da AGGIUNGIMENTO a AGGIUNTO (6 risultati)

: mia ventura et amor m'avean adorno / d'un bello aurato e

questa saetta: niuno tuo nemico ti sarà lontano, che con questa non l'

panellino, se aggiugnesse alcun frate, 'l prendiamo insieme con lui. sacchetti,

altro. alberti, 358: quella facta vicina mia non era due anni nata

a freno / tenne i nemici e fe' nobili opre / che non l'aggiunge

, v-178: e la vecchiezza, come sperimentata negli affanni e piena d'

vol. I Pag.242 - Da AGGIUNZIONE a AGGIUSTARE (4 risultati)

nominare. qùesto è tale, che come e'non è proprio nome della

né direbbesi: un bell'aggettivo; ma : un aggiunto appropriato, conveniente,

sta bene per qualità ». a stringente argomento non si risponde, e bisogna

quei di giramonte avendo veduto in cerchio gran mucchio insieme, v'aggiustarono una

vol. I Pag.244 - Da AGGLOMERO a AGGRADARE (5 risultati)

: l'animo dell'uditore è fatigato che non vuole né agrada lui d'

: e dice che li batte el cuor spesso, / che 'anzi che questo

inf., 11-93: tu mi contenti quando tu solvi, / che,

cantari, 13: e quando quella pena sostenne, / più non vedea quella

sostenne, / più non vedea quella che l'agrada; / e con temenza

vol. I Pag.245 - Da AGGRADEVOLE a AGGRANDIRE (3 risultati)

di cosi selvaggio e cosi duro / legno aspro frutto, oimè, v'aggrada

, ed in udendo il silenzio, si impara che sia il suono;

si impara che sia il suono; potrai tu, mirando le mie poco aggradevoli

vol. I Pag.246 - Da AGGRANDITO a AGGRAVARE (3 risultati)

dante, inf., 16-134: come toma colui che va giuso /

con le mani, guarda, / che ruini un tetto ad ogni scossa.

2-467: avvenirsi in punti d'alpi erte, che non dico a cavallo,

vol. I Pag.247 - Da AGGRAVARE a AGGRAVATIVO (6 risultati)

, 339: con ferro oltraggioso a bell'oro: / aggrava il biondo

, i-65: amico, qual pensiero t'aggrava la fronte, che,

li citayn de la tera nostra fizam agravé de le spexe del comun..

sopravvenne, la quale dopo alquanti dì l'aggravò forte che, non potendola

di non essere mandato di fuori, perché le gotti molto m'aggravavano.

: ma il dolor de la piaga l'aggreva, / che pallido ne l'

vol. I Pag.248 - Da AGGRAVATO a AGGREDIRE (5 risultati)

suo coragio. guinizelli, ii-411: come troppo aggravata cosa, / che

xxi-998 (51): e trovandolo aggravato che appena potea parlare, sì

trovandolo sì aggravato che appena potea parlare, gli annunziò la morte del corpo e

imperita, stolta e profana moltitudine che falsamente pensa. marinelli, i-486: il

e 'l dire e 'l far di lei agrazioso. = comp. di grazioso

vol. I Pag.249 - Da AGGREDITO a AGGRESSIONE (1 risultato)

pioggia. cardarelli, 1-148: morire , / non essere aggrediti dalla morte

vol. I Pag.250 - Da AGGRESSIVAMENTE a AGGRONDATURA (3 risultati)

giovani... erano accolti da macabro sorriso (macabro...

912: calvi, aggrondati, ricurvi, come becchini a la fossa / stan

incomincia la compagnia delle querce. robuste, , ma aggrondate, contorte: con

vol. I Pag.251 - Da AGGROPPAMENTO a AGGRUMATO (2 risultati)

l'ebbi tutta da me sciolta, / come 'l duca m'avea comandato

loro [de'seni del vura fece che alcuna volta nel panneggiare si tenesse cervello

vol. I Pag.252 - Da AGGRUMO a AGGUAGLIARE (2 risultati)

aquila gentil si chiude e serra, / che la schiera sbaraglia e sviluppa.

stato, / meco si duol di penose notti. nannini, 231:

vol. I Pag.253 - Da AGGUAGLIATAMENTE a AGGUANTARE (9 risultati)

e molto / mescendole da prima, che bianca / s'alzi la spuma,

monta e cala / naturalmente, fu ratto moto / ch'agguagliar si potesse

tu, che 'l mio marito / a fatt'uomo il vorresti aguagliare? boccaccio

dionisio agguaglia iddio al sole. imperocché come il sole illumina i corpi e

questo. tasso, 6-ii-109: tenuta in gran pregio è laura / ch'altra

vi-79: col piano [della cazzuola] s'agguagliano e poliscono tutte le cose

ne la lira, et un dir leggiadro, / che ben s'agguaglia a

predator cristiano, / ch'audace è ch'a me vuole agguagliarsi, / caderà

, 6-113: il giusto agguagliatóre parte la pecunia e l'onore e fa

vol. I Pag.254 - Da AGGUARDAMENTO a AGGUATO (1 risultato)

volgar., 7-62: nullo agguato è pericoloso, come quello ch'è coperto

vol. I Pag.255 - Da AGGUATTARE a AGHIRONE (1 risultato)

una fortuna, con vento agher- bino forte e impetuoso, che sciarrò tutta la

vol. I Pag.256 - Da AGIAMENTO a AGIBILITÀ (2 risultati)

per la qual cosa io non sono agiato... che li potessi notricare

(151): egli molto spesso, come agiato uomo, dava di buone

vol. I Pag.257 - Da AGILE a AGIO (6 risultati)

le cose finite con istudio e fatica , ma non con istento. tommaseo,

in foco si prova auro: e non in agio molto, ma in tribulazione

. detto d'amore, 345: or t'ho letto il salmo!.

il salmo!... i 'l t'ho mostrato ad agio. /

: agio si fa disagio. -agio fa ladrone. della casa, 563:

città piena / d'acqua e d'ombre fresche e d'agi tanti. baretti

vol. I Pag.258 - Da AGIOGRAFIA a AGITAMENTO (6 risultati)

quel guerrier, quel sì feroce ardente / suo

quel sì guerrier, quel feroce ardente / suo spirto a quel g

, 68: e, per far bell'opra a mio grand'agio, /

si dilata quanto più s'interna, / ch'asceser con agio. baretti,

, 3-244: ma se l'uomo è ricco, che sta ad agio /

idem, 3-10 (291): che quivi orinò, perché ne aveva bisogno

vol. I Pag.260 - Da AGITATORE a AGLIO (1 risultato)

; solo la persistente agitazione nervosa faceva ch'io mi reggessi tuttavia. bontempelli

vol. I Pag.261 - Da AGLIONZA a AGNELLO (2 risultati)

di robe che no sieno troppo calde, come di pani lini, di robe

talora mai mangiato agnello, e il fugge così, immantenente conosce ch'

vol. I Pag.262 - Da AGNELLOTTO a AGNOSTICISMO (4 risultati)

co'cani. tasso, 944: questa preziosa e bianca lana / che già

moravia, ix-335: lei disse: « mamma », proprio come un agnello

benedetto agnello, il qual vi ciba / , che la vostra voglia è sempre

dante, par., 4-4: si starebbe un agno intra due

vol. I Pag.263 - Da AGNOSTICO a AGO (4 risultati)

stata una porta chiamata cruna d'ago, piccola, che senza scaricare della

errore / prende accorta a fregiar drappo vago, / l'arteficio e 'l lavor

vago, / l'arteficio e 'l lavor ben comparte / ch'a natura fa

, significa quello che dante disse: « mi die'dimandando per la cruna /

vol. I Pag.264 - Da AGOCCHIA a AGONE (3 risultati)

guinizelli, iv-25 (6-55): che l'ago si drizzi vèr la

dandogli quello ch'egli agogna, lo gravate troppo di cibi. poliziano,

sapienza. marino, 242: or in fatto agone, /... a

vol. I Pag.265 - Da AGONE a AGORAFOBIA (1 risultato)

/ de la sua voce al suono / come al tuono -il ne

vol. I Pag.266 - Da AGORAIO a AGRARIA (5 risultati)

migliori [uve] sono le bianche, come le lugliole, che son atte

grosso granello. forteguerri, 22-17: ma creb bero in breve e

5-39: vapori accesi non vid'io tosto / di prima notte mai fender

appellato caprimulgo, / poppa le capre che il latte secca. = dal

.. e se diventa troppo aspro, si tempera con lodi da sezzo.

vol. I Pag.267 - Da AGRARIO a AGRESTO (2 risultati)

che viene meno in queste conversazioni, è detto agreste e rustico. boccaccio,

volta agrestezza; ma egli n'è poi altamente meritato, e riceve tale guiderdone

vol. I Pag.268 - Da AGRESTONE a AGRIFOGLIO (1 risultato)

fu detto; e io ne parlo / come dell'agricola che cristo / elesse

vol. I Pag.269 - Da AGRIGNO a AGRO (6 risultati)

poveretti, ascoltavano, e dicevano di col capo, sorseggiando il vinetto agro,

. angiolieri, 7-1: egli è agra cosa 'l disamare / a chi

non fora » disse « a te questo agro ». ugùrgieri, 16:

332-20: già mi fu col desir dolce il pianto, / che condìa di

ingegni ho le mie forze operate; e m'è stata benivola la fortuna che

sollazzar le corti e con agre riprensioni, come padri, mordere i difetti de'

vol. I Pag.270 - Da AGRO a AGRUME (3 risultati)

e si piega senza schiantarsi, è buono e dolce; e se

non si tiene al martello e schiantasi, è tenuto agro, e non buono

della loro rustica natura ed aspera che li rende vene- nosi ed amari nel

vol. I Pag.271 - Da AGRUMETO a AGUGLIA (2 risultati)

, che coll'ago / facciam lavor bei, ch'ognun n'è vago.

di grande podere, ch'egli non è grande lupo che iscampi dinanzi da quelle

vol. I Pag.273 - Da AGUZZATA a AGUZZO (5 risultati)

dante, inf., 15-20: e per noi aguzzavan le ciglia / come

sannazaro, 10-150: ad apollo, come ad aguzzatóre de'peregrini ingegni,

elli àe bene appresa l'arte, l'usa in dire et in dittare sopra

le quistioni apposte..., come sono li buoni parlatori e dittatori

sono li buoni parlatori e dittatori, come fue maestro piero dalle vigne, il

vol. I Pag.274 - Da AH a AIA (7 risultati)

la casa, alto il pagliaio aguzzo: che pa reva una chiesetta

foscolo, sep., 197: ah ! da quella / religiosa pace un

e venendo così affocato al compagno, gli disse: « a! a!

/ cui ha [l'amore], come me, in podestate! tesoro

ricontrare tanta crudeltade e tanta furia e crudele uccisione. fatti di cesare, 137

amore! / perché seco dovea dolce affetto / recar tanto desìo,

aòh, m'hai stufato, lo sai ? ». = d'uso

vol. I Pag.275 - Da AIACE a AIRONE (1 risultato)

): messer lo prete ne 'nvaghì forte, che egli ne menava smanie;

vol. I Pag.276 - Da AITA a AIUOLA (3 risultati)

vola in alto, e si alza in aere che la tempesta non ha podere

morte incontra morte aita, / di scuri pensieri amor m'ingombra. idem,

come suol fare. idem, 37-3: è debile il filo a cui s'

vol. I Pag.277 - Da AIUOLO a AIUTARE (7 risultati)

la qual piglia tanta insolenza per cosa piccola, come è la terra. bembo

comandi dei diversi governi di piazza, della capitale, che delle piazze di

, iv-261 (145-4): irata , che ancide e caccia via / tutto

era, per ciò che ella, come del suo amore disperata, aveva

: cui la ventura aiuta troppo, lo fa stolto. idem, 336:

. baretti, ii-98: egli, con l'intenzione che con gli effetti,

nutrica con dolci riguarda- menti: e come le fiamme perdono forza non essendo

vol. I Pag.278 - Da AIUTATIVO a AIUTORIO (2 risultati)

. idem, i-202: forte spaventato, per lo fiero aspetto dello spirito e

per lo fiero aspetto dello spirito e perché vedeva la morte vicina per la

vol. I Pag.279 - Da AIZOON a ALA (4 risultati)

acqua. quando elli si levò, vi cadde dentro; quelli cominciò a gridare

/ a'crin s'appiglia; e mentre l'aizono, / casca nel collo

, v-145: la mogliera del notaio, come colei che era uno cotal turbinio

venendo per l'aere maligno, / forte fu l'affettuoso grido. idem,

vol. I Pag.280 - Da ALA a ALA (3 risultati)

cenno su per quella scala, / sua virtù la mia natura vinse; /

l'ali de'pensieri al cielo / spesse volte che quasi un di loro /

mai... musica m'impennò ale tenui e si colorate. carducci,

vol. I Pag.281 - Da ALA a ALABASTO (2 risultati)

e pietà vi disgrievi / tosto, che possiate muover l'ala, / che

godi, fiorenza, poi che se' grande, / che per mare e per

vol. I Pag.282 - Da ALABASTRAIO a ALACRE (2 risultati)

trascorse in quella, gemma, perché come per la gemma che si porta

prodigalità, che scialacquamento! un liquore prezioso. quante famiglie potevano sustentarsi con

vol. I Pag.283 - Da ALACREMENTE a ALANO (1 risultato)

: parevano gioiosi tutti quei lavoratori di insperati guadagni, e perciò lavoravano con

vol. I Pag.284 - Da ALAPA a ALBA (5 risultati)

volo i vanni aurati, / rapido , eh'anco il pensiero eccede. crudeli

spesso / al tuo signor, ch'ei seguia dappresso / il cervo

ora mattutina / che fuggìa innanzi, che di lontano / conobbi il tremolar

, 20-5: non fu mai l'aria serena e bella / come a l'

teti è in pace; / loda ognun lieto giorno. zazzaroni, iii-477:

vol. I Pag.285 - Da ALBA a ALBASTRELLO (1 risultato)

un'altra [del reame di morrocco] ti conviene portare albara [ma leggi

vol. I Pag.286 - Da ALBATA a ALBERATURA (1 risultato)

da picchiere a picchiere piedi 3, per fianco, come per fronte, tenendo

vol. I Pag.287 - Da ALBERCOCCO a ALBERGARE (4 risultati)

a'riguardanti. della casa, 574: che in poco d'ora, né

qualche volta che nel fondo d'un alto mare l'amo afferri e svella

doglie! idem, 16-3: lo cielo m'ha bannito e lo 'nfemo m'

vostra maggior voglia sazia / tosto divegna, che 'l ciel v'alberghi /

vol. I Pag.288 - Da ALBERGATO a ALBERGO (8 risultati)

quant'hai affetto; / povertate ha gran petto, che ci alberga deitate

. idem, 39-2: io temo de'begli occhi l'assalto, / ne'

e se uno re vi capitasse, vi sarebbe bene albergato. idem,

dante, conv., iv-xn-15: come peregrino che va per una via

il loco ov'i'son, ch'è rio, / che 'l ben non

l'aureo albergo co l'aurora inanzi / ratto usciva il sol cinto di raggi

fioretti, xxi-894 (2): e lo invitò la sera a cena e

marino, 231: i tuoi, vuole il ciel, vezzi omicidi, /

vol. I Pag.291 - Da ALBIO a ALBORE (3 risultati)

pier della vigna, ii-112: in gran sicuranza amor m'ha miso /

son tutto dato / ed infiammato di buono amore, / com'albore che

zeffiro in prima fa movimento nelle fronde defl'erbe come degli albori. landino,

vol. I Pag.294 - Da ALCHERMES a ALCHIMISTICO (3 risultati)

v-18-14: qui mi disse solin: « come il foco / vuol temprato colui

/ a me par oro, poi che risplende. biringuccio, i-69: io

. sacchetti, 60-46: chi archimia fatte cose, ne porta pena in

vol. I Pag.296 - Da ALCOOLIMETRIA a ALCUNO (3 risultati)

gli occhietti maliziosi parevano dire: « , dietro, c'è un'alcova »

non se gli dee l'uomo avvicinare , che se gli aliti nel viso

, abbine retenenza / e la lingua lenta, / ch'un altro no

vol. I Pag.297 - Da ALDACE a ALDINO (6 risultati)

idem, 564: alcuni altri sono bizzarri e ritrosi e strani, che niuna

capelli in bionda treccia attorse, / bella, come questa che mi spoglia /

camin de libertade / seco mi tira, ch'io non sostegno / alcun giogo

41-86: i lunghi passi torse / tacito , ch'alcun non se n'accorse

: [può accadere] che questa ritrosa gloria, prezzo di tanta infelicità,

li assiri, / che fu grande al mondo e tanto aldace. cantari

vol. I Pag.298 - Da ALDIO a ALENA (4 risultati)

parlare degli aldi e aldiane de'quali sovente si truova memoria nelle leggi longobardiche

buonarroti il giovane, 9-575: far che non passi e non alleggi /

siepe e siepe. idem, 9-295: , sì, il vidi ben io

siepe. idem, 9-295: sì, , il vidi ben io tra quegli

vol. I Pag.299 - Da ALENAMENTO a ALETTA (3 risultati)

e altri disseno alpha, però come principio della scrittura, la quale in

dice alep, cioè iddio, come principio di tutto l'universo. boccaccio

latino significa ah, che, come abbiamo detto, è accento

vol. I Pag.302 - Da ALFINO a ALGEBRICO (1 risultato)

minu tissime cifre. e con l'algebra si affligge l'ingegno.

vol. I Pag.303 - Da ALGEBRISTA a ALIANTE (3 risultati)

arà la bruma algente, / quando bella mosterrassi a noi / la terra del

: l'alma, ch'arse per lei spesso et alse, / vaga

, e tutto suo intendimento, come tu lasciassi la scienza di virtude,

vol. I Pag.304 - Da ALIARE a ALIEETO (1 risultato)

molte generazioni di viti in tal maniera alidisce, che il loro frutto a

vol. I Pag.305 - Da ALIENABILE a ALIENAZIONE (2 risultati)

non le potea intendere, e smarrivami, che quasi parea di fuori alienato.

nel cuore la parola di dio, fu tutto alienato fuori di sé e

vol. I Pag.306 - Da ALIENIGENA a ALIMENTARE (1 risultato)

0. rucellai, 8-30: noi abbiamo a alimentarci per vivere, ma per

vol. I Pag.307 - Da ALIMENTARE a ALIMENTO (3 risultati)

se voi dir che sia furto, / ricca donna deve esser contenta, /

sceme forze il furor langue, / come fiamma in debili alimenti. marino,

: io vidi tutto 'l mondo, / com'egli è ritondo, / e

vol. I Pag.308 - Da ALIMENTOSO a ALISSO (1 risultato)

, che tegnono i savi che ha forte e aguta vista, che..

vol. I Pag.309 - Da ALISTERESI a ALITO (6 risultati)

l'erba; / l'aire corrompe , che qual vi passa / pruova,

non se gli dee l'uomo avvicinare , che se gli aliti nel viso;

: tirando l'uomo a sé l'alito lo rifrigera, e quando il

rifrigera, e quando il getta fuori è caldo. dante, par.,

da quelle / sotterranee miniere, / ch'alterato intepidisce e ferve, / e

idem, iv-1-556: il canto giungeva or or no, secondo l'alito della

vol. I Pag.310 - Da ALITO SO a ALLACCIATO (7 risultati)

modo di grandissimi palagi, le quali magioni s'appellano alle, e nell'una

appellano alle, e nell'una alla si vendono pure panni di lana interi

'l sabato; e nell'altra alla si vendono panni lani interi e a taglio

goda, / dorato in punta, con fatte tempre, / che preme e

mente m'allaccia / l'amor, che m'abbraccia tolleme lo parlare, /

: calipso... con sua arte m'allacciòe... ch'ella

credibile quanto bene mai vengano allacciate con bella equivocazione. baretti, i-286: tu

vol. I Pag.311 - Da ALLACCIATO a ALLAMPANATO (1 risultato)

'l fiume d'arno crebbe tanto e diverso che allagò molta della città presso

vol. I Pag.314 - Da ALLARMISMO a ALLATTAMENTO (4 risultati)

/ e un dar all'arme ne seguì fiero *. allarmismo, sm

continuanza della pericolosa guerra aveva già allassato il popolo. 2. rifl

: ma è la loro [camera] allato alla mia, che paroluzza sì

sì allato alla mia, che paroluzza cheta non si può dire che non si

vol. I Pag.315 - Da ALLATTANTE a ALLEFICARE (1 risultato)

iacopone, 67-79: vedennote pentuta, ce voglio ar- tomare, / ancor

vol. I Pag.316 - Da ALLEGABILE a ALLEGARE (6 risultati)

responne com'è uso: / « deo è piatuso, lo me porrà parcire

en corte / e la sua rascion ha allegato: / « mesere, eo

de mia sorte, / ché la iustizia me n'ha privato ». lapo

giammai seppe allegare, il gonnella allegò , che a ragione il marchese non seppe

la tua prudenzia, ché ti sforzi manifestamente colle tue parole d'allegare contra

i casi allegherò. savonarola, iv-239: come tu vedi uno che sia consueto

vol. I Pag.318 - Da ALLEGGERITO a ALLEGORIA (1 risultato)

, / e'm'alleggiasse il mal che m'ha stretto. boccaccio, dee

vol. I Pag.319 - Da ALLEGORICAMENTE a ALLEGRAMENTO (6 risultati)

che allegoricamente dinota che l'ardore di bestiale cupidità guasta in forma il volto

terra allegoricamente vien la potenza significata, come il nome di celo, padre di

, appresso la litterale istoria ragionata; che l'una ragione e l'altra darà

o ceh in parte il vero, che a questi sia manifestissimo, a

occultissimo, o a tutti lo ricopra, che bisogni a tutti affaticarsi per trapassar

el me coraggio / donatemi, con gioioso segno, / che temo di morir

vol. I Pag.320 - Da ALLEGRANZA a ALLEGREZZA (8 risultati)

. guinizelli, iv-34 (17-11): ch'eo non credo..

: ed ora il morir mio, che t'annoia, / ti farebbe allegrar

, / poi sono amato e amo altamente. iacopone, 3-18: starò sempre

18-29: questa selva che dianzi era negra, / stanza conforme a la dolente

manifesta / pianse per gli occhi fuor, come è scritto. idem, 115-9

che 'n su la prima vista / per alto adversario, al cor mi nacque

1 -intr. (43): e come la stremità dell'allegrezza il dolore

giordani, ii-47: veda, io son certo del presagio che le fo,

vol. I Pag.321 - Da ALLEGRIA a ALLELOMORFO (2 risultati)

. idem, 21-9: non van presti i razzi fuor di mano, /

la vita di s. crescenzio, gliene prese grande allegrezza. esopo volgar

vol. I Pag.322 - Da ALLELOTROPIA a ALLENTARE (1 risultato)

ben so che a morire -questo amor te mena, / da poi che non

vol. I Pag.323 - Da ALLENTATA a ALLESSATO (4 risultati)

traluca / lo mio penser di fuor che si scopra, / ch'io non

che 'l pensier bruca / la lor vertù che n'allenta l'opra. idem

dimandite, anco incontinente allentiamo, e ci sdegnamo, se tosto esauditi non

ristretto è più da que'gagliardi, / come a forza da rinchiuso loco /

vol. I Pag.324 - Da ALLESSO a ALLETTARE (3 risultati)

tanta ingiuria alta vendetta, / tra il zerbino e il no resta confuso:

che 'l bel, ch'or t'alletta e piace, / non men

idem, 6-97: perché crediam che si mostri adorno, / se non per

vol. I Pag.325 - Da ALLETTARE a ALLEVARE (2 risultati)

. tasso, 16-17: fra melodia tenera, fra tante / vaghezze allettatici

no possono tutta via lor filiuoli nudrire, vi diviseremo quali nodrici loro conviene avere

vol. I Pag.326 - Da ALLEVARE a ALLIBIRE (1 risultato)

iacopone, 24-26: a chi me serve do el mal tributo,

vol. I Pag.327 - Da ALLIBITO a ALLIGAZIONE (3 risultati)

. bembo, 1-197: e lei bella veggio, / che piacer d'altra

ensemora l'abbracci [la fede], te ride, / aiutate ne la

, 88-163: la envidia, vedenno, se affide. 3. intr.

vol. I Pag.328 - Da ALLIGNAMENTO a ALLINEO (6 risultati)

melagrano non vi possa durare né allignare, si dee d'attorno chiudere. mattioli

la rubia tinctorum... pianta restia ad allignare, e sì necessaria alla

pianta sì restia ad allignare, e necessaria alla tintura. foscolo, v-61

che allignare lassù -tutto questo mi ripercosse fieramente gli affetti, ch'io prorompeva

merzì umilmenti si li aligni, / chi sia piatusa / ver mi. n

pensai, se costei s'alligna / presso a me, il suo poter fia

vol. I Pag.329 - Da ALLINGUATO a ALLOCCO (3 risultati)

,... alliquidandole e ammorbidandole come un fummo. = deriv

ensemora l'abbracci [la fede], te ride, / allìtate ne la

oh gli allocchi e le ghiandaie, , rideranno, ma noi no. bacchetti

vol. I Pag.330 - Da ALLOCHESSIA a ALLODOLA (2 risultati)

vecchia madre] / per sopraccapo a vaga angiolella / qual vecchia pergamena a

di montagna / non s'introduce in felice accordo. pascoli, 1035: par

vol. I Pag.331 - Da ALLODOSSIA a ALLOGATO (1 risultato)

hai lo sollazzo e il gioco, / che meglio in esso loco / mi

vol. I Pag.332 - Da ALLOGATORE a ALLOGGIATO (4 risultati)

lasciano e si ripigliano..., come noi medesimi vogliamo e acconci siamo

giova molto ne'bisogni di guerra, per accamparsi e disegnare gli alloggiamenti,

per accamparsi e disegnare gli alloggiamenti, per l'espugnazioni e per le difese.

che noi... alloggiamo pensieri vili. segneri, ii-22: né per

vol. I Pag.333 - Da ALLOGGIATORE a ALLONTANARE (1 risultato)

monte ideo, / da cui golfo largo / m'allontana e divide?

vol. I Pag.334 - Da ALLONTANATO a ALLORA (6 risultati)

. tommaseo-rigutini, 3205: alloppiato, vinto fortemente dal sonno come se avesse preso

vini a quei che gli guardavano, che erano rimasi come stupidi e alloppiati

oncia ad oncia riacquistando il mio già lungamente allopiato intelletto. tommaseo- rigutini,

rigutini, 3205: alloppiato, vinto fortemente dal sonno come se avesse preso

in figura d'altrui, / ma non ch'io non senta bene allore /

, 97-5: gli occhi invaghirò allor de'lor guai / che 'l fren de

vol. I Pag.335 - Da ALLORAMAI a ALLORO (4 risultati)

segnoreggiò la mia anima, la quale fu tosto a lui disponsata. idem,

xxi-979 (42): e fu grande amore d'allora innanzi tra loro due

ultimo lavoro / fammi del tuo valor fatto vaso, / come dimandi a dar

243: né ben si sa ( luminosa face / arde in lui di virtù

vol. I Pag.336 - Da ALLORQUANDO a ALLUCINANTE (2 risultati)

idem, purg., 3-86: vid'io muovere a venir la testa /

buonarroti il giovane, 9-533: abiti difformi, / lunghi, allucignolati,

vol. I Pag.337 - Da ALLUCINARE a ALLUMARE (3 risultati)

: l'incarceramento aggravò il mio stato che parvi, a momenti, un povero

guardinsi 'pertanto i principianti da questo grande errore,... perciocché ella

tutto il mondo alluma / deltemisperio nostro discende, / che 'l giorno d'

vol. I Pag.338 - Da ALLUMARE a ALLUMINANZA (4 risultati)

consuma / me ch'aluma, / mi stringe amore. dante, purg

caldo e con la luce, è iguali, / che tutte simiglianze sono

saria l'aver zanobi piene / tante e dotte carte, onde s'allumi /

dice in firenze allume di piuma, viene di barbaria, ed è una

vol. I Pag.339 - Da ALLUMINARE a ALLUMITE (6 risultati)

vapori infocata... ardeva con gran fiamma, che tutto il cielo di

finestra in casa, ci alluminano, che ci vedi allora volare la sottilissima

. lorenzo de'medici, i-193: presto il ciel mai vidi alluminarsi,

figlio e spirto santo; / e alluminiate la mia mente, / ch'i'

: tu pregarai idio che t'allumini per fatto modo, che tu ti astenga

188: provossi ancora [dio], come allumina- tore eccellentissimo, a

vol. I Pag.340 - Da ALLUNAMENTO a ALLUNGARE (2 risultati)

detto d'amore, 189: ed era chiara luce / ch'ai sol to'

/ e lo scura e taluna, / come il sol la luna.

vol. I Pag.341 - Da ALLUNGATAMENTE a ALLUSIVO (4 risultati)

d'amore / certamente allungiato; / m'era fatto selvaggio e stranero.

amore / certamente allungiato; / m'era fatto selvaggio e stranero.

sole dire mentirà [= bugia], che noi medesmo ne allosengamo amando soperchiamente

: tali timori appunto... facevano che nella casa la nuova concezione non

vol. I Pag.342 - Da ALLUSTRARE a ALMANACCARE (2 risultati)

: bastar non può con tra il pagan forte; / tal che non sostien

de'cieli e del mondo / m'avete contento il gran disio, / ch'

vol. I Pag.343 - Da ALMANACCATO a ALMENO (5 risultati)

non ha senso domandarsi perché il « * abbia per correlativo il « no

», e almanaccare di un puro « » scevro di « no » o

nella persona del suo vicario non fusse sceleratamente offeso l'onore di dio.

almeno, / o lumiera sia fatta / che si veggia chi man gratta

almeno in divote grazie verso un protettor pietoso? redi, 16-iv-44: sono

vol. I Pag.344 - Da ALMIRAGLIO a ALOÈ (3 risultati)

): cominciò a masticare, ma tosto come la lingua sentì l'aloè,

della loro rustica natura ed aspera che li rende venenosi ed amari nel consorzio degli

e lo legno / aloè, ch'è degno, / e spigo, e

vol. I Pag.345 - Da ALOETICO a ALPE (3 risultati)

, quando l'aere è pregno, / che ritenga il fil che fa la

de'fiori / rende la verdura / m'incora -e innamora / che mi disnatura

disnatura. chiaro davanzali, ii-348: come la pantera per alore / comprende

vol. I Pag.346 - Da ALPEGGIARE a ALPESTRE (2 risultati)

vi-11-140 (9-2): d'agosto vi do trenta castella / in una

il vecchio, ix-431: febei, che dura alpe d'affanni / in poche

vol. I Pag.347 - Da ALPIERE a ALQUANTO (3 risultati)

e'[amore] vèn tagliando di gran valore / che'deboletti spiriti van via

ch'ai vero onor fùr gli animi accesi, / l'industria d'alquanti

me alquante volte. bembo, 1-43: come ad alquante piante sopra le vecchie

vol. I Pag.348 - Da ALSÌ a ALTAMENTE (5 risultati)

tenuta da una staffa d'oro, da poter altalenare e anzi revolversi affatto

70): e io non vo'parlar altamente, / ch'io divenisse per

sdegno s'ebbe; / poi seguirò come a lui ne 'ncrebbe / troppo altamente

obbietti gli cancellaron l'immagine dell'imperadrice altamente stampatagli nella mente. segneri,

. idem, i-93: si compiacerà altamente di quella beatitudine che in lui scorge

vol. I Pag.349 - Da ALTANA a ALTARE (3 risultati)

, 5-67: vennero costoro a cristo e gli dissero: maestro, qual'è

quel fanciullo aitano / in una notte v'andò per arte, / che la

sien da noi, / che siam pur pietosi, anzi sien cari. tommaseo-rigutini

vol. I Pag.350 - Da ALTARINO a ALTERARE (2 risultati)

molto poco, quando non sapete far che l'elezione cada sulle persone degne

animo di antonio da leva magno, è egli bello ed alteramente adorno; per

vol. I Pag.351 - Da ALTERATAMENTE a ALTERAZIONE (4 risultati)

la passiva, / che fanno generar cose nuove. bencivenni, 5-33: le

da quelle / sotterranee miniere, / ch'alterato intepidisce e ferve, / e

: ogni cosa che si corrompe, si corrompe, precedente alcuna alterazione.

sinonimia sui linguaggi è tanta, e potentemente contribuisce alla corruzione, alterazione,

vol. I Pag.352 - Da ALTERCANTE a ALTERITÀ (3 risultati)

d'alcuno principio de la nativitade, come mentecatti; quando per l'alterazione del

quando per l'alterazione del cerebro, come sono frenetici. boccaccio, i-362:

avvenimento. giordani, ii-112: un grande abbassamento nel morale lo spiego facilmente

vol. I Pag.353 - Da ALTERNAMENTE a ALTERNATIVAMENTE (6 risultati)

tra fronda e fronda, / ite alternando soavi note. manzoni, pr.

propria solitudine? si sarebbe detto di , dal modo con cui, a volte

e le loro gambe s'alternavano con giusta misura che pareva rispondessero ad una

ricadevano giù dal cielo, si alternavano che parevano tre enormi catapulte di luce

rucellai, 2-4-9-2: al mormorio di copiose e chiare fontane,...

, ii-134: parecchi mesi passarono, per lui che per me, in queste

vol. I Pag.354 - Da ALTERNATIVO a ALTERO (3 risultati)

, e non chinate il volto / che veggiate il vostro mal sentero! m

21-4: ma voi non piace / mirar basso colla mente altera. idem,

st., i-io: ma fu altero sempre il giovinetto, / che

vol. I Pag.355 - Da ALTEROSO a ALTEZZA (11 risultati)

ciel ti scorge per destro sentero, / ch'i'vo già de la speranza

par del vento / e insuperbia di bel pondo altero. monti, 4-129:

, 19-1: son animali al mondo de altèra / vista che 'n contr'al

. tasso, 1-71: non è grato a i caldi giorni il tuono,

, 46-49: dunque, signor di gentil natura / che questa nobiltate /

seria parvente, / poi sete piagente, / s'amor en vo fallisse

ma per lo suo senno fue in alto stato che tutta roma si tenea alla

poi che lo tempo véne) / come si convène, / vostr'altezza

pregiata. francesco da barberino, 5: grande è la fede ch'io porto

mia donna si move / un lume gentil, che dove appare / si veggion

che la mia insufficienza procede doppiamente, come doppiamente trascende l'altezza di costei

vol. I Pag.357 - Da ALTIVOLANTE a ALTO (8 risultati)

trastulli. petrarca, 132-11: fra contrari vènti in frale barca / mi trovo

in alto mar senza governo, / lieve di saver, d'error sì carca

/ sì lieve di saver, d'error carca, / ch'i'medesmo non

pigliano forza in aiuto di filocolo, che in brieve,... pigliando

accade qualche volta che nel fondo d'un aito mare l'amo afferri e svella

nella testa / un greve truono, ch'io mi riscossi / come persona ch'

del mondo, / soccorrà tosto, com'io concipio. idem, par.

i-106: e voi, altissimo signore, come più degno per la reai dignità

vol. I Pag.358 - Da ALTO a ALTO (4 risultati)

il signore ti ha comperato a prezzo alto, qual è quello del suo

canto volò tanto ad alto, / ben consonato. bartolomeo da s. c

e 'l tempo e l'ora / che alto miraron gli occhi miei. idem

9-50: battìensi a palme, e gridavan alto, / ch'i'mi strinsi

vol. I Pag.359 - Da ALTO a ALTORILIEVO (1 risultato)

. bocchelli, 1-iii-430: dirà di più volontieri, quando stimerà d'esser lei

vol. I Pag.360 - Da ALTORITÀ a ALTRETTANTO (7 risultati)

si recano argomenti pur per altoritade, come legge, sopra la quale non

di tristano, v-392-220: a lo matino si leva lo re marco e viene

e me mortai nimistà, e potrebbe andare la cosa che io ucciderei altressì tosto

9: il primo che scontra gli dà un colpo di sua lancia,

26-2: e'm'incresce di me duramente / ch'altrettanto di doglia /

altrettanto. boccaccio, i-305: feci che io ebbi al mio piacere l'amata

sovragiunse anelante e lagrimosa: / dolente che nulla più, ma bella / altrettanto

vol. I Pag.361 - Da ALTRI a ALTRIMENTI (5 risultati)

non m'osa, / ché 'l e 'l no di me in vostra mano

altri crede. petrarca, 32-13: vedrem chiaro poi come sovente / per

ariosto, sai., 4-150: che or con chiaro, or con turbato

leopardi, 2-198: non si conviene a corrotta usanza / questa d'animi eccelsi

de'tolomei, vi-n-27 (6-1): fortemente l'altrier fu'malato, /

vol. I Pag.362 - Da ALTRO a ALTRO (6 risultati)

, abbine retenenza / e la lingua lenta, / ch'un altro no la

modo e l'altro dice il contrario, che sono in tencione. idem,

amore; / e hanno in lor gran varietate, / ch'altro mi fa

. l'una si è detta intellettuale, come è sapienza, scienza e prudenza

. l'altra si chiama morale, come è castità, larghezza ed umiltà.

disse, / l'altro piangea, che di pietade / io venni men

vol. I Pag.363 - Da ALTRO a ALTRO (5 risultati)

chi ad uno e chi ad altro siamo acconci per natura. dante,

gente / ch'eran con lui parevan contenti, / come a nessun toccasse

dee., 2-7 (199): forte di lei subitamente s'innamorò,

perciò dei tacere quando se'irato, come dice seneca: -l'uomo irato non

il tenentino? -sì..., ... -rispose lao griffi,